Scopri se ti può servire fare e-mail marketing

Con questo articolo perderò le ultime amicizie che ho nel mio campo.

Se ti sei interessato al marketing per la tua attività sarai sicuramente inseguito da decine di pubblicità che parlano dell’email marketing e di come sia la soluzione a tutti i tuoi problemi

1️⃣ Chiedi la e-mail

2️⃣ Regala qualcosa

3️⃣ Crea una tua lista e raccogli i soldi

Questo è il mantra. C’e solo un piccolo problema, le persone non leggono le e-mail

Qualcuno, per giustificare i bassi tassi di apertura, dice che i clienti non sono in target, che hai raccolto indirizzi di persone non realmente interessate o che le email che mandi non sono scritte in maniera abbastanza convincente.

Di solito ti propongono di affidare a loro la scrittura delle email, facendoti sborsare soldi e per il 90% del volte, senza ottenere risultati.

Questo perché non si deve mai guardare lo strumento o pensare che esista uno strumento che va bene per tutti. Se decidi di comunicare ai tuoi clienti devi sforzarti di pensare come loro, pensare a come preferiresti essere contattato tu se fossi al posto loro.

Non siamo noi a decidere le abitudini di acquisto dei nostri clienti, non dobbiamo obbligarli a fare qualcosa perché l’abbiamo deciso noi. Dobbiamo adattare la nostra comunicazione e il nostro linguaggio alle loro abitudini ed ai loro desideri.

Non è facile da fare, anzi spesso o quasi sempre si va per tentativi, ma dopo 4 anni di test credo di potervi suggerire alcune linee guida che possono esservi utili in linea generale almeno per partire con il piede giusto.

✅ La prima cosa da fare e sapere che tipo di clientela hai. Io ho diviso in tre macro categorie ed ho esaminato le loro abitudini per giungere ad un risultato che funziona piuttosto bene

(1) Clienti privati

(2) Partite iva

(3) Esercizi commerciali

➡️➡️ Se ti rivolgi a clienti privati, lascia perdere l’email marketing a meno che tu non sia un copywriter fantastico.

Il dialogo tra te e il cliente si svolge quasi sempre attraverso lo smartphone. Difficile che un consumatore si metta davanti ad un pc a cercare offerte, la scelta d’acquisto avviene attraverso il suo cellulare, le app e le massaggiatiche che ha installato

Quindi puoi scegliere, come ti spiego nell’articolo precedente, di usare whatsapp, gli sms ( e presto ne parleremo) oppure Messenger e i chatbot ( anche questo è un argomento che approfondiremo)

Sono tutte e tre applicazioni comuni che tutti noi consultiamo decine di volte in un giorno, perché quindi costringere il tuo potenziale cliente a dirottare l’attenzione verso altro? Usa quello che usano loro, fatti trovare dove vanno loro.

(2) Partite iva. Se invece il tuo prodotto o servizio lo vendi alle partite iva, il mercato B2B, allora le email hanno ancora la loro importanza ma vanno usate un maniera accorta e con gli strumenti necessari

🅰️ Devi avere un tuo dominio. Mandare email con indirizzi del tipo officinapippo@gmail.com o @hotmail.com o @libero.it non solo rischia di mandare i tuoi scritti in spam ma denota scarsa professionalità. Anche se non hai un sito puoi acquistare un dominio con una email professionale spendendo poche decine di euro all’anno ed aumentare di molto la tua immagine.

🅱️ Usa un autorisponditore professionale. Io uso Active Campaign che costa 108€ all’anno circa, ma all’inizio se non puoi spendere, mailchimp è gratuito e funziona egregiamente

Perche usare un autorisponditore?

Perche ti permette di sapere chi ha aperto la mail, chi l’ha letta e chi invece ha ignorato la tua comunicazione.

Puoi mandare in maniera automatica una serie di email creando un’automazione senza doverla riscrivere o reinvitare tutte le volte

Puoi inserire dei link+tag: ovvero, inserisci un link nella email ( a una pagina web, a un pdf o a quello che preferisci) e metti come condizione che chiunque clicca ottiene un tag ( un etichetta) nel suo profilo. Questo ti permette nel tempo di profilare al meglio i tuoi contatti

Ps: questo lo puoi fare anche con servizi di sms a pagamento.

Ma vediamo un esempio per rendere tutto più semplice: Vuoi promuovere una nuova assicurazione vita riservata ai titolari di imprese.

⏩ Scrivi una prima mail che parli di questa nuova proposta, all’interno metti in link. Chi ci clicca sopra riceverà un pdf con una prima presentazione dei vantaggi. Cliccandoci sopra, nella scheda cliente verrà inserito un tag (ha scaricato il pdf).

Con una sola email saprai. Chi non ha aperto, chi ha solo aperto, chi ha cliccato sul link

questo ti permetterà di creare tre automazioni diverse. A chi non ha aperto manderai un’altra e-mail simile alla prima. A chi ha aperto ma non cliccato manderai una email ricordandogli che nel pdf ci sono informazioni molto utili per lui e la sua famiglia. A chi ha letto il pdf potrai mandare già una email con proposta di appuntamento

(3) se ti rivolgi a negozi il discorso è molto più complesso. Esistono due tipi di negozio, chi vende prodotti a basso margine e lavora sulla quantità ( edicole, bar, tabaccherie, fioristi) e questi per esperienza diretta non leggono le email per mancanza di tempo. Meglio valutare l’invio di una lettera o cartolina promozionale seguita da una telefonata per un appuntamento

Ho testato questo sistema per un agente di commercio che vende prodotti in tentata vendita ai bar ed ha avuto un ottimo tasso di risposta

*100 lettere inviate

* 65 appuntamenti presi

* 43 clienti fatti

Se invece vendi prodotti o servizi a negozi con vendite importanti ( gioiellerie, negozi di abbigliamento, bomboniere etc..) allora le e-mail sono ancora apprezzate.

RICORDATI CHE qualunque servizio tu decida di usare. Se una persona ti contatta devi essere veloce a rispondere, pronto a telefonare o a fissare un appuntamento

Non aspettare che sia lui a chiedertelo, non lo farai mai o quasi. Il percorso deve essere chairo

Il cliente ti contatta – tu gli rispondi e fissi un appuntamento – fai l’appuntamento e vendi.

Inutile tempestarlo di messaggi se hai già manifestato interesse. Non serve a nulla.

Essere tempestivi e veloci è fondamentale, di sicuro oltre te avrà contattato altri, dormirci sopra significa regalare ai tuoi concorrenti un cliente e dei soldi.

 

 

 

Leave a Reply

Stai partendo da zero e non hai le idee chiare?

Iscriviti alla mia newsletter per avere tutte le informazioni utili a scegliere gli strumenti migliori per il tuo marketing senza buttare soldi

Privacy

You have Successfully Subscribed!